Domande Frequenti (FAQ)

Non trovi quello che stavi cercando? Contattaci per maggiori informazioni, il nostro team è a disposizione per rispondere alle tue domande.

SCELTA E DIMENSIONAMENTO

Il carico massimo applicabile varia in funzione della taglia di potenza dell’UPS. La somma dei valori di assorbimento, espressi in Watt, di ciascuno dei dispositivi collegati non deve superare il valore massimo consentito dall’UPS. Per un funzionamento ottimale è comunque consigliabile applicare un carico che non superi l’80% del carico massimo supportato dall’UPS stesso.

I Voltampere (VA) indicano la potenza apparente erogata dall’UPS mentre i Watt (W) indicano la potenza reale messa a disposizione dal gruppo di continuità. Per scegliere correttamente il proprio UPS è bene prendere come riferimento la potenza reale espressa in Watt.

Per supportare i computer dotati di alimentatori APFC, come ad esempio i computer Mac o le console di nuova generazione (PS5, PS4, Xbox Series X) è necessario usufruire di un UPS ad onda sinusoidale pura, come il nostro modello Epyc NYTRO. In alternativa Epyc ha realizzato gli UPS della serie ION, che, seppur non generino un’onda sinusoidale pura, risultano perfettamente compatibili grazie alla tecnologia di modulazione digitale Pulse Width Modulation (PWM). È sconsigliato invece l’uso degli altri modelli della gamma Epyc (serie NEON, TETRYS e QUANTUM).

Qualunque tipo di ciabatta elettrica multipresa può essere collegata ad un UPS Epyc, purchè il cavo non superi 1,5 metri di lunghezza.

INSTALLAZIONE E POSIZIONAMENTO

Gli UPS Epyc sono progettati per essere utilizzati esclusivamente in ambienti interni. La temperatura dell’ambiente deve essere compresa tra 0°C e 40°C (25°C è la temperatura ottimale), e il tasso di umidità non deve superare il 90%.

L’UPS deve essere posizionato su un piano orizzontale. È necessario assicurarsi che l’UPS abbia un’adeguata ventilazione e che abbia a disposizione almeno 20 cm di spazio vuoto intorno in ogni direzione, mentre le prese d’aria per il raffreddamento dell’UPS devono essere libere.
L’ambiente in cui è installato l’UPS non deve essere troppo caldo: l’UPS non deve essere posizionato vicino a fonti di calore o esposto ai raggi diretti del sole. Evitare luoghi troppo polverosi.

L’UPS può essere utilizzato già al momento del ricevimento, tuttavia si consiglia di ricaricare la batteria per almeno 8 ore, così da assicurarsi che venga raggiunta la massima capacità di carica. Per ricaricare la batteria è sufficiente lasciare l’UPS collegato a una presa di corrente AC. Se l’UPS non venisse usato per un lungo periodo, sarà comunque necessario caricare la batteria ogni tre mesi per garantirne la massima durata.

FUNZIONALITÀ DI BASE

Il segnale acustico che l’UPS emette quando entra in funzione da batteria può essere disattivato tramite il software di monitoraggio. In alternativa, per i modelli NEON, TETRYS, QUANTUM e NYTRO si può intervenire direttamente dall’UPS premendo due volte velocemente il pulsante di accensione (si sentirà un “beep” a conferma che il comando è andato a buon fine). Per riattivare il segnale acustico basterà seguire la medesima procedura.

Tutti gli UPS Epyc sono dotati di funzione Auto Restart che consente ai gruppi di continuità di riaccendersi automaticamente al ritorno della tensione, anche dopo una scarica completa della batteria.

È possibile decidere liberamente se lasciare acceso l’UPS o se disattivarlo dopo aver spento i dispositivi connessi, il rendimento della macchina non ne è condizionato. Se l’UPS è collegato alla presa di alimentazione a muro, la batteria verrà ricaricata sia che l’UPS rimanga acceso o che sia spento.

Gli UPS Epyc non sono dotati di alcun filtro specifico per la protezione da fulmini. Per questo motivo nell'eventualità di forti temporali o in presenza di eventi atmosferici intensi e/o prolungati consigliamo di spegnere e scollegare i dispositivi connessi dall’UPS, nonché di spegnere e scollegare dalla presa a muro anche l’UPS stesso, in modo da evitare possibili danni ai dispositivi connessi.

Tramite la doppia porta RJ11/RJ45 è possibile filtrare la linea telefonica, ottenendo un segnale più nitido e ripulito dai comuni disturbi di rete. Queste porte forniscono inoltre protezione contro le sovratensioni per qualsiasi modem, fax o cavo di rete standard. Per filtrare la linea telefonica o internet, è necessario collegare il cavo di rete dalla presa a muro alla presa IN dell’UPS e collegare un ulteriore cavo di rete dalla presa OUT dell’UPS al proprio telefono o modem. L’utilizzo di queste porte impone un limite di velocità per la connessione pari a 100 Mb/s.

La presa USB permette di collegare l’UPS al proprio PC tramite l’apposito cavo fornito in dotazione, e di utilizzare così il software di monitoraggio dedicato. Tramite il software è quindi possibile monitorare il funzionamento dell’UPS e settare le opzioni di autospegnimento.

Il pulsante “Input breaker” è un interruttore termico che protegge l’UPS e i dispositivi connessi da eventuali sovratensioni. In caso di sovratensione, l’interruttore scatta verso l’esterno interrompendo il passaggio della tensione.

SOFTWARE DI MONITORAGGIO

È possibile verificare lo stato dell’UPS tramite il software di monitoraggio dedicato, scaricabile gratuitamente su questo sito dalla pagina prodotto del vostro UPS. Il software permette anche di configurare le impostazioni di accensione e spegnimento automatico.

Epyc mette a disposizione dei propri utenti un software di gestione professionale che è compatibile con tutti i principali sistemi operativi: Windows (Windows 7 e successivi), MacOS (MacOS 10.14 e successivi) e Linux.

MANUTENZIONE

Le batterie possono essere sostituite solo da personale esperto, adottando tutte le precauzioni necessarie. La sostituzione deve avvenire con batterie dello stesso tipo e nella stessa quantità rispetto alla dotazione originale.

Prima di eseguire eventuali operazioni di pulizia, è necessario spegnere e scollegare l’UPS dalla presa di alimentazione. Non si devono utilizzare detergenti liquidi o spray e bisogna evitare di ostruire o introdurre nei fori di ventilazione qualsiasi liquido o qualsiasi eventuale oggetto estraneo. Le superfici esterne devono essere pulite utilizzando un semplice panno leggermente inumidito con alcool etilico, rimuovendo l’eventuale polvere dalle feritoie. Prima di riattivare l’UPS, assicurarsi che l’acool sia completamente evaporato. Nel caso in cui dovesse accidentalmente entrare del liquido o degli oggetti estranei all’interno dell’UPS, non attivare la macchina e contattare il supporto tecnico per ricevere assistenza.

STANDARD AMBIENTALI E SMALTIMENTO

Tutti i prodotti Epyc rispettano gli standard imposti dalle direttive europee RoHS ed il regolamento REACH sulla qualità e sulla sicurezza delle sostanze e molecole contenute nei materiali utilizzati.

Epyc contribuisce a proteggere l’ambiente tramite la corretta raccolta e smaltimento dei rifiuti in ottemperanza alla Direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE), e alla Direttiva 2006/66 CE sul riciclo delle batterie, oltre che tramite l’iscrizione ai registri nazionali dei produttori e all’adesione al sistema collettivo Cobat. Ad ogni utente è così garantita la possibilità di smaltire l’UPS nella piazzola ecologica del proprio paese, senza alcun costo aggiuntivo.

Hai già un UPS Epyc? Scarica gratis il nostro Software di Monitoraggio dedicato. Hai un UPS? Scarica Software