Gruppi di continuità professionali

In un ambiente d’ufficio la produttività è strettamente correlata alla continuità elettrica.
Computer, monitor, stampanti, NAS…sono moltissime le periferiche elettriche presenti oggi sul posto di lavoro, e ciascuna di esse risulta ormai imprescindibile per la mansione degli impiegati.

Un’improvvisa interruzione di corrente potrebbe provocare la perdita di dati non ancora salvati, costringerci a ricominciare un lavoro da capo, o addirittura causare un blocco generale delle attività aziendali nel caso si verifichi un blackout prolungato.
Prova a pensare a tutte quelle società che devono garantire un servizio continuativo durante una determinata fascia oraria: come possono pensare di gestire un imprevisto di questo tipo?

Date queste premesse risulta evidente come dotarsi di un UPS per ufficio non sia più una semplice opzione, ma una vera e propria necessità.
Scopriamo quindi quali sono i principali parametri da considerare per la scelta un gruppo di continuità professionale.

UPS per ufficio, quale scegliere?

Ogni azienda ha le sue specifiche peculiarità, di conseguenza la tipologia di periferiche presenti all’interno di un ufficio può differire in funzione di molte variabili, come ad esempio il settore professionale o il numero di impiegati.

Possiamo comunque individuare delle caratteristiche ricorrenti, e definire così delle linee guida generali per scegliere l’UPS più adatto alla propria postazione d’ufficio.

Prese d'uscita

Per prima cosa dobbiamo considerare che in un ambiente d’ufficio è facile che ci siano numerosi dispositivi da proteggere contemporaneamente. Per questo motivo è consigliabile scegliere un UPS professionale dotato di un adeguato numero di prese d’uscita.

In questo modo, se necessario, sarà possibile salvaguardare anche più di una postazione di lavoro avvalendosi di un unico gruppo di continuità.

Autonomia

Un altro aspetto molto importante è l’autonomia che il gruppo di continuità è in grado di fornire.

A differenza di un comune contesto domestico, dove in caso di blackout la necessità primaria potrebbe essere quella di spegnere i dispositivi in sicurezza aspettando il ritorno della corrente, in un ambiente d’ufficio è fondamentale che le periferiche continuino ad essere alimentate per non rischiare di interrompere il proprio lavoro per un tempo prolungato.

Per questo motivo la scelta di un UPS da ufficio dovrebbe ricadere su un modello equipaggiato con batterie a maggiore capacità.

Solitamente per questa fascia di prodotti le batterie installate raggiungono una capacità massima di 9 Ah (Ampere-Ora).

Stabilizzatore di tensione

Un’ultima avvertenza che ci sentiamo di rivolgere a chi intende acquistare un UPS per l’ufficio è l’importanza di tutelarsi dagli sbalzi di tensione.

Questi fenomeni, se non adeguatamente contrastati, possono dare luogo a interruzioni di alimentazione di durata molto breve, quasi istantanea, alle nostre periferiche. Se da un lato il rischio di lunghi periodi di inattività è in questo caso scongiurato, dall’altro lato bisogna tenere in considerazione il verificarsi di due ulteriori problematiche.

Per prima cosa questi eventi possono creare degli scompensi e di conseguenza anche danneggiare sensibilmente i dispositivi nel medio/lungo periodo. In secondo luogo queste micro-interruzioni possono risultare estremamente dannose per tutte le volte in cui stiamo svolgendo un’attività al computer ma non abbiamo avuto l’accortezza di salvare costantemente l’avanzamento del nostro file: il PC si riavvierà immediatamente ma noi saremo comunque costretti a ricominciare da capo il lavoro.

Per scongiurare questo tipo di rischi è necessario dotarsi di un UPS di tipo Line Interactive che, grazie alla funzione AVR, corregge costantemente il valore della tensione in uscita, proteggendoci quindi dagli effetti legati agli sbalzi di tensione.

Quale è l'UPS Epyc più indicato per l'ufficio?

A fronte delle considerazioni appena fatte, il modello che consigliamo a chi deve acquistare un gruppo di continuità professionale da installare in ufficio è l’UPS Epyc QUANTUM.

Questa serie, disponibile nelle taglie di potenza 1500 VA e 2200 VA, risponde infatti a tutte le esigenze del caso.

EPYC QUANTUM

  • 5 prese d’uscita, tutte protette da batteria
  • Disponibile anche con 2 batterie da 9 Ah installate
  • Tecnologia Line Interactive con stabilizzatore di tensione integrato
Scopri QUANTUM

C'è qualcos'altro che devo sapere?

Come detto abbiamo cercato di fornirti delle linee guida generali per scegliere l’UPS da ufficio più adatto alle tue esigenze, pur sapendo che le periferiche non possono essere sempre tutte uguali in ogni postazione di lavoro.

Tra i dispositivi che si possono trovare comunemente all’interno di un ufficio ce ne sono alcuni che hanno infatti delle caratteristiche particolari e necessitano di UPS specifici.

Eccoti di seguito un breve focus.

UPS per computer Mac

I computer MAC, molto diffusi ad esempio nei settori della fotografia, della grafica e della pubblicità in generale, hanno la particolarità di essere tutti dotati di alimentatori a PFC attivo. Questa tecnologia li rende più “delicati” rispetto ad altri computer di larga diffusione, e implica la necessità di collegarli a UPS specificatamente progettati per supportarli.

Ti invitiamo a leggere il nostro approfondimento dedicato agli UPS per MAC, così da poter fare la scelta più corretta.

UPS per Mac

UPS per stampanti laser e scanner

Stampanti laser (o toner) e scanner sono altre due periferiche ampiamente diffuse negli ambienti d’ufficio.

Questi dispositivi si differenziano dagli altri in quanto devono spesso gestire dei picchi di tensione durante il normale funzionamento. Per questo motivo non possono essere collegati ad un UPS qualunque, ma necessitano di un apposito UPS ad onda sinusoidale pura.

Se devi proteggere uno di questi dispositivi ti consigliamo quindi di orientarti sul nostro modello Epyc NYTRO.

Scopri NYTRO

UPS per server

Sicuramente meno diffusi rispetto alle altre periferiche da ufficio, i server sono dispositivi molto delicati dal punto di vista elettrico e, in particolare, estremamente sensibili alle interruzioni di corrente.

Al contrario della maggior parte dei dispositivi di uso comune, i server rischiano infatti di danneggiarsi anche a seguito di microinterruzioni di pochissimi millisecondi.

Per questo motivo per proteggere un server è consigliabile utilizzare solo UPS di tipo Online a doppia conversione, i quali, al contrario degli UPS Offline o Line Interactive, non presentano alcun tempo di commutazione nel momento in cui si verifica un blackout.

UPS Online

Hai già un UPS Epyc? Scarica gratis il nostro Software di Monitoraggio dedicato. Hai un UPS? Scarica Software